logo PECorganizeractiveinfokolibriarchivio edilizio digitalem-files

La digitalizzazione del mercato B2B

L'Osservatorio per la fatturazione elettronica del Politecnico di Milano ha realizzato un'analisi sulla trasformazione digitale del mercato B2B italiano.
Ed il quadro che emerge non è positivo: le imprese non stanno ancora cogliendo le opportunità che il digitale offre, e la digitalizzazione dei processi va a rilento.
Mentre nei rapporti con la PA si è avuta una spinta dall'obbligo della fattura elettronica, il digitale nel B2B non ha avuto la stessa crescita.
Ecco i numeri dell'Osservatorio.
 

I NUMERI DELLA Digitalizzazione:

Mentre il mercato B2B in Italia vale 2700 miliardi di Euro, le transazioni e-commerce sono stimate in circa 260 milioni, poco meno del 10%
Nel 2015 il 43% delle grandi aziende e il 24% delle piccole medie imprese hanno scambiato con i clienti o con i propri fornitori documenti in formato digitale: come fatture, bolle, etc.
Circa 11000 imprese hanno scambiato tramite sistema EDI i documenti del ciclo d'ordine con i propri clienti/fornitori, tra cui fatture, preventivi, ordini, etc. La crescita dei documenti digitali è del 38% rispetto all'anno precedente, ma è il numero delle aziende che preoccupa. Il problema principale è che la maggioranza delle aziende non coglie questa opportunità.
La diffusione di extranet e portali B2B invece è più elevata: circa 100.000 aziende sono connesse e si stima un traffico di fatture elettroniche pari a 15/20 milioni.
La conservazione digitale delle fatture elettroniche è in crescita, spinta anche dall'obbligo per la fatturazione alla PA, ma i dati sono ancora bassi: su 5 milioni di imprese in italia si stima che solo 650mila hanno adottato la conservazione digitale. Solo il 13%.
Il dato che riguarda le fatture elettroniche invece è molto negativo: in Italia il 94% delle fatture sono analogiche. 80 milioni di fatture elettroniche su 1,4 miliardi totali.
 

Come favorire la digitalizzazione del mercato B2B:

Al termine dell'analisi l'Osservatorio propone alcune priorità ed evidenzia delle criticità.
Priorità:
Conservazione digitale dei documenti prima di tutto, seguita da gestione documentale, workflow applicativi e integrazione con i portali B2B.
La maggior parte delle criticità invece non derivano da questioni tecnologiche, ma da immobilismo culturale e resistenza al cambiamento degli imprenditori e dei dipendenti.
 

Infografica:

Ecco l'infografica con tutti i dati

trasformazione digitale nel b2b italiano infografica

Ultima modifica il Mercoledì, 29 Giugno 2016 11:51
Share

About Us

Euroged realizza progetti e soluzioni personalizzate in ambito: gestione documentale, workflow management e business discovery. Offre servizi di dematerializzazione e conservazione sostitutiva in outsourcing.

logo PECorganizeractiveinfokolibriarchivio edilizio digitalem-files

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione

. Per saperne di piu'

Approvo

Newsletter Euroged

Privacy Policy

Euroged Srl

Socio unico
100.000 € interamente versato
Sede legale: via Albenga, 59
10098 Rivoli (TO)
Sede amm.va: via Albenga, 59
10098 Rivoli (TO)
Tel.: +39 011.95.75.060
Fax: +39 011.95.57.299
C.F. P.IVA 08085660010
Società iscritta al Registro delle imprese di Torino al n. 08085660010
TORINO > MILANO

Contatti

icon commerciale@euroged.it

icon +39 011 9575060

icon via Albenga, 59
10098 Rivoli (TO)

 

Seguici su Twitter

Seguici su Linkedin

Seguici su Google+